315 views

CAPESANTE GRATINATE AL VERMUT

Sharing is caring!

CAPESANTE GRATINATE AL VERMUT

La proposta è di uscire dallo schema dell’associare al gratinato un alimento con del pangrattato condito.
In questo caso la capasanta è un ingrediente cotto che dopo viene gratinato in un ambiente morbido e grasso.
L’acqua che contiene verrà trasferita al liquido di gratinatura donandole sapore.
Sarà utile usare come contenitore per gratinare un mezzo guscio naturale, di quelli più grandi (quelli color marroncino usandone la metà curva più capiente non quella piatta) in mancanza ai possono utilizzare quelli più piccoli che sono violacei.

Categoria: antipasti.
Tempo di cottura: 15 minuti
Difficoltà: 2/5

Ingredienti per 4 persone:

400 g di polpa di capesante surgelate
250 ml di panna da cucina (1 brick)
50 ml di vermut bianco (non quello dry)
Sale e pepe macinati a piacere.

Preparazione:

Scongelare la polpa delle capesante (non gettare via il corallo ma conservarlo).
Con una leggera incisione sarebbe opportuno rimuovere quel budello nero che sarebbe l’intestino.

In una piccola pentola riporre sul fuoco, (basso), la panna con il vermut il sale ed il pepe.

Quando prende il bollore immergervi le capesante pulite per non più di 30 secondi altrimenti rimpiccioliscono esageratamente.
Lasciarle raffreddare e conservarle in frigorifero nel liquido di cottura.
Al momento della gratinatura prendere un guscio vuoto (eliminando quel puntino bianco che tiene attaccato il mollusco), inserirvi 1, 2 o 3 capesante (dipende dalle dimensioni), versarvi il liquido di cottura fino a coprirle e metterle a gratinare in forno (usarlo tutto e non solo il grill) per 10 minuti a 180⁰.
Quando sono gratinate possono essere servite e consumate ma attenzione che gusci e capesante scottano.

Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\