576 views

La Dittatura, il Frutto della Paura…

Sharing is caring!

I dittatori non servono quando la gente è già china sotto il mantello dorato del benessere. È già disposta a tutto pur di mantenere la propria condizione di privilegio, al prezzo della sua paura, soddisfatta dai suoi avanzamenti, incurante del costo esistenziale e sociale che tutto questo comporta…

 

 

Di Maria Diana

La Dittatura, il Frutto della Paura…

Affondare nella paura…

La Dittatura, se ci fate caso, nasce dalla paura.

La paura di perdere la propria sicurezza, il denaro, il lavoro, la salute, e ci si ritrova ad essere dipendenti di questa anomalía che ci schiavizza.

Le persone che hanno paura si ritrovano a vivere in un vero e proprio stato di continua ansia, che li trascina in atteggiamenti talvolta aggressivi.

Quanti di loro, ad un certo punto, si ritrovano a desiderare ardentemente che ci sia un controllo ferreo della situazione in corso, un controllo sia a livello economico che sanitario.

Bisogno di sicurezza…

La paura di perdere qualcosa…

Denaro e salute prendono come valori vitali il sopravvento, ma pur di sentirsi sicuri della garanzia che sia l’uno che l’altra non vengano a mancare, le persone invocano leggi restrittive pur di avere questa sicurezza.

Quindi che cos’é che genera la Dittatura se non la paura di perdere qualcosa che riteniamo fondamentale per la nostra esistenza?

Ora vorrei riflettere con voi su un punto essenziale: che valore diamo alla libertá e alla vita stessa?

Prendiamo atto di questo…

Barattare la nostra vita…

 

Siamo sicuri che grazie alle restrizioni la nostra vita riceverá da parte nostra il vero valore che le spetta?

Siamo sicuri che grazie alle restrizioni il nostro lato umano venga riconosciuto come tale con l’andare del tempo?

Abbiamo mai pensato cosa veramente ha valore nella nostra vita e lo abbiamo mai veramente difeso?

Essere pieni di paura non vuol dire per caso essere manipolabili facilmente?

Crediamo veramente che la Dittatura possa nascere senza il nostro consenso?

Paura di vivere…

Bambini in cerca di protezione…

Non abbiamo mai pensato che, forse, é proprio il desiderio di protezione dovuto a bambini non ancora maturi a far nascere questa Dittatura che dá in qualche modo sicurezza anche se apparente?

E infine vivere divisi tra persone che hanno maturato l’importanza di esseri liberi e responsabili, consapevoli del valore reale della vita, decisi a non fare la fine di un robot impaurito che accusa costantemente chi non avendo paura si comporta da essere libero…e coloro che scelgono di vivere nella paura perché hanno deciso di non fare quel salto di qualitá e di rimanere succubi di un sistema che si ciba proprio della loro paura

Tutto questo che senso ha?

Umanitá disumanizzata…

Vendere la propria umanitá…

Sono sicura che nel cuore di ognuno di noi c’é una grande voglia di essere felici, liberi, umani. 

La divisione é l’arma che genera la paura, e la paura è l’arma che genera la Dittatura.

La Dittatura porta a disumanizzare l’umanitá, la fa degenerare e la rende succube del dittatore di turno.

Quando le persone comprenderanno che la vita é un dono prezioso e come tale va trattato, capiranno anche che la paura, soprattutto quando viene generata come strumento di manipolazione da chi lo sa fare molto bene, porta alla morte che non é quella fisica, bensí quella dell’individuo come essere umano.

Vendersi, anche se inconsciamente, non fa bene, e il legame con il denaro uccide il dono della vita.

Il dittatore é comunque un assetato di potere e un venduto, e le sue prede prendono piano piano le sue sembianze, purtroppo.

 

Termino con un pensiero di Mahatma Gandhi:

Non appena qualcuno si rende conto che obbedire a leggi ingiuste è contrario alla dignitá dell’uomo, nessuna tirannia può dominarlo.”

Altri articoli di Pittrice di parole, clicca QUI

 

 

 

Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.

Diana

Ciao, sono Diana e ti dò il benvenuto come visitatore in questa pagina dove posso scambiare insieme a te idee ed esperienze che sono in continua evoluzione, in continua crescita. Questo è il mio sostanziale desiderio: condividere il proprio intuire, il proprio sentire al di là di un semplice libro, ma attraverso lo studio delle esperienze di vita e degli strumenti che sono a portata di mano di ognuno di noi, come la natura, il cielo, gli occhi di una persona, il sentire del cuore e così via.....Io li chiamo strumenti viventi. Ecco, questo è il mio sentire, questo è il mio vivere. Se ti può interessare visita questo sito: sei il/la benvenuto/a!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\