245 views

Un Seme che fatica a Germogliare…

Sharing is caring!

Il paradiso è là, dietro quella porta, ma ho perso la chiave. Forse ho solo dimenticato dove l’ho messa.

Khalil Gibran

 

Di Maria Diana

Un seme che fatica a germogliare…

Portare frutto é fondamentale…

Si dice che un seme, per germogliare, debba avere la possibilitá di cadere su di un terreno fertile, per prima cosa. Poi ci vogliono elementi come il calore, la luce e l’acqua.

Non so a voi, ma quando coltivavo l’orto, e dopo un po’ vedevo spuntare le piccole piantine, mi saliva una bella emozione perché la sentivo un po’ come una ricompensa e, da parte di quest’orto, un ringraziamento per averlo coltivato e portato a fruttare.

Quello che facevo all’orto, lo facevo un po’ anche a me stessa.

Riconoscere che il lavoro con la terra é un lavoro che ti porta a riflettere sull’affermazione che in questa vita é importante portare frutto, credo sia importante per mettere le basi per una bella crescita per tutti noi.

Non c’é alcuna separazione…

Un legame fra la terra e il cielo…

Non esiste alcuna separazione tra il mondo che è in basso e il mondo che è in alto: ecco una lezione che ci è data dal seme. Avete interrato un seme. Immediatamente si verifica un legame fra la terra e il cielo, poiché il sole gli invia la sua luce e il suo calore, la pioggia lo bagna, la terra gli dà il riparo e il nutrimento di cui esso ha bisogno, e ben presto ecco che la pianta cresce. Mettendo semplicemente un seme in terra, avete anche provocato alcuni fenomeni nel cielo…
Gli stessi processi si verificano anche in noi. Un esempio: introduciamo un seme (il cibo) nella terra (il nostro stomaco), e subito il cielo (la testa) invia delle correnti affinché quel cibo si trasformi in energie, in sentimenti e in pensieri. Non appena immettiamo degli alimenti nel nostro stomaco, alcune forze si dirigono verso quel cibo e si mettono al lavoro. »

          Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

L’importanza della gratitudine…

Riconosciamo la gratitudine…

Oggi molti hanno perso, o non hanno mai pensato, a quanto sia fondamentale riconoscere il nostro ruolo su questo Pianeta. Soprattutto, importantissimo, riconoscere la gratitudine per tutto questo processo di vita che possiamo vivere, e viverlo bene se lo vogliamo.

E’ facile, per chi non lo sa, cadere nell’oblío, e di conseguenza nell’ansia della morte.

Questa paura viene concepita dal riconoscere nella nostra vita una certa sterilitá, un non aver compreso il valore che siamo realmente come corpo, mente e spirito, e tutto ció comporta un voler fuggire da noi stessi, proprio perché la morte, in realtá, é la paura dell’ignoto, di ció che non riusciamo a controllare.

 

Il controllo mentale…

Una vera e propria ipnosi di massa…

Oggi viviamo in un’era dove il controllo della mente, delle masse, del pensiero viene visto come una Pseudo-Sicurezza.

pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:

Stiamo quasi richiedendo un regime di dittatura, perché lo vediamo come una sorta di protezione, e la domanda mi sorge spontanea : “Da chi o da cosa ti stai proteggendo? Perché continui a credere di avere bisogno di una protezione? Da dove proviene realmente la tua paura?”

Riconosco che una vera e propria ipnosi di massa stia portando l’umanitá alla deriva, impedendole di evolvere, guidandola verso una finta sicurezza, una finta vita.

Il seme per germogliare necessitá di calore, luce, acqua…..

La nostra stessa vita per germogliare necessita di calore, luce, acqua…

Non c’é differenza…

Siamo tutti Uno…

Vedi qualche differenza?

Siamo tutti collegati!

La meditazione ci porta a riconoscere quanto siamo tutti uniti tra noi, e quanto sia fondamentale il rispetto reciproco, la reciproca solidarietá che comporta non un atteggiamento autoritario, ma un atteggiamento umile e servizievole.

 

Servizio e umiltá sono le basi per far germogliare un seme importante per conoscerci nel profondo.

Atteggiamenti come arroganza, presunzione, superioritá ma anche atteggiamento di inferioritá, comportano il mettere in risalto un terreno sterile, per nulla fertile, e come conseguenza una grande difficoltá a permettere che il seme germogli.

Trasformare, non sopprimere…

Tali atteggiamenti vanno trasformati, non soppressi, cosí come viene trasformato il cibo nel nostro stomaco.

Trasformare per non sopprimere…

Il periodo in cui stiamo vivendo richiede molta consapevolezza, per evitare di cadere nella confusione del bombardamento delle informazioni.

E’ chiaro che in questo periodo il seme trova difficoltá a germogliare.

Ci sono forze opposte che non vogliono assolutamente che l’essere umano evolvi, ma ci sono molti elementi in atto che, al contrario, portano molta attenzione e aiuto a far germogliare questo seme.

Sta a noi prestare attenzione a tutto ció che sta per muoversi in questo periodo di caos e confusione, ma anche di grande cambiamento in atto.

Sta a noi riconoscere queste forze in atto e permettere loro di agire affinché possiamo riconoscere in noi questo cambiamento.

Se ti é piaciuto l’articolo puoi condividerne altri a questi link:

https://lbcomunicazione.org/index.php/pittricediparole/

https://lbcomunicazione.org/index.php/author/maria/

Pubblicità:

Diana

Ciao, sono Diana e ti dò il benvenuto come visitatore in questa pagina dove posso scambiare insieme a te idee ed esperienze che sono in continua evoluzione, in continua crescita. Questo è il mio sostanziale desiderio: condividere il proprio intuire, il proprio sentire al di là di un semplice libro, ma attraverso lo studio delle esperienze di vita e degli strumenti che sono a portata di mano di ognuno di noi, come la natura, il cielo, gli occhi di una persona, il sentire del cuore e così via.....Io li chiamo strumenti viventi. Ecco, questo è il mio sentire, questo è il mio vivere. Se ti può interessare visita questo sito: sei il/la benvenuto/a!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\