593 views

Perché andrà tutto bene? La soluzione è già dentro di te!

Sharing is caring!

Andrà tutto bene è una frase che molti hanno “adottato” come slogan di speranza e gira sul web – e nelle nostre community – per togliere un po’ della negatività a cui assistiamo attraverso i media ormai da un mese e mezzo.

La paura irrompe all’improvviso

Abbiamo contribuito volontariamente o involontariamente a fare crescere la paura tra noi. Abbiamo riscoperto la paura della morte, che c’è ed è spesso sopita e relegata in un angolo. Al momento di una minaccia grave, la paura torna alla ribalta ricordandoci che la nostra vita non è altro che un “passaggio”. Per come la vedo io, è un passaggio che ci consente di dare il nostro contributo al mondo e quindi a noi stessi. Consiglio di accettare questo e di vivere sempre ogni giorno come se fosse l’ultimo dando il nostro meglio.

Se fosse l’ultimo davvero, vorremmo sprecarlo dell’angoscia o preoccupazione? Meglio di no.

La “catena dell’andra’ tutto bene” nasce per questo, per spostare il pensiero dalla paura, ed è giusta e spontanea. Tuttavia vorrei parlare di come rendere efficace questo messaggio.

Si tratta di auto-suggestione

La suggestione è uno strumento per comunicare con l’inconscio: può prendere il nome di INDUZIONE DI UN’IDEA O DI UN PENSIERO, può essere VOLONTARIA O INVOLONTARIA.
Ti suggestioni VOLONTARIAMENTE quando dici qualcosa a te stesso con lo scopo di ottenere un risultato come, per esempio “sono calmo e rilassato”. Sei suggestionato INVOLONTARIAMENTE quando l’induzione proviene dall’esterno quando, invece, sbadigli guardando un’altra persona sbadigliare o da un pensiero non conscio.

Come formulare auto-suggestioni molto efficaci

Affinché una suggestione divenga effettiva, è necessario che sia accettata dall’inconscio. Questo punto è basilare e rappresenta IL MOTIVO PRINCIPALE per il quale, molto spesso, i programmi di auto-aiuto non hanno i risultati attesi.

Se i tuoi pensieri non vengono accettati dall’inconscio perdi tempo. Per questo ti sconsiglio di guardare continuamente notizie sui numeri relativi alla malattia che non nomino volutamente. Condivido con te un commento di Bruce H. Lipton biologo, studioso dell’epigenetica che stimo e apprezzo, che ti darà un ottimo motivo per il tuo inconscio:

Coronavirus: non temere l’uomo nero

“Il mondo è attualmente in preda alla paura per lo spaventoso Coronavirus. Per prima cosa chiariamo un fatto: se hai mai avuto raffreddore o influenza nella tua vita, è possibile che fosse un’infezione da coronavirus:sSì, i Coronavirus provocano raffreddori. Ma siamo programmati con la convinzione che questo particolare virus del raffreddore sia “mortale”.

Questa paura ha fermato concerti, conferenze e grandi eventi pubblici in tutto il mondo. La paura ha portato alla quarantena e al blocco dei viaggi internazionali. Ha anche portato a una grande scarsità di carta igienica in Australia: i cittadini preoccupati di restare murati in casa con questa infezione hanno svuotato gli scaffali in previsione del peggio.

Innanzitutto chiediamoci: quanto è letale questa versione del virus? Sì, ci sono stati decessi correlati al Coronavirus, statisticamente pari a circa il 2% della popolazione infettata. Wow! Questa percentuale è dell’1% superiore a qualsiasi influenza convenzionale in circolazione nel mondo. Ciò che è fuorviante è la paura che tutti coloro che prendono questo virus possano morire per il raffreddore. Questo è semplicemente falso! La salute di quasi tutte le vittime di questo Coronavirus era già compromessa prima che fossero infettate.

Come dico nel mio libro “La Biologia delle Credenze”, lo stress è responsabile fino al 90% delle malattie, comprese le malattie cardiache, il cancro e il diabete. Quando un individuo è stressato, il rilascio di ormoni dello stress – per esempio il Cortisolo – arresta il sistema immunitario per conservare l’energia del corpo e sfuggire dallo stress percepito, quella proverbiale “tigre dai denti a sciabola”. Gli ormoni dello stress sono così efficaci nell’inibire il sistema immunitario, che i medici li somministrano a scopo terapeutico ai trapiantati di organi: in questo modo impediscono al loro sistema immunitario di respingere l’impianto estraneo.

La conclusione è chiara: la paura del coronavirus è più mortale del virus stesso!

pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:

I media (forse in collaborazione con le case farmaceutiche) stanno compromettendo la salute delle persone giocando la carta della paura! Questo è il risultato del pensiero negativo (l’effetto nocebo) che è l’esatto opposto dell’effetto placebo che si manifesta attraverso il pensiero positivo! Se ti dedichi a rimanere in buona salute, con una buona alimentazione, esercizio fisico, prendendo vitamine e integratori e, soprattutto, evitando lo stress (per esempio la “paura” del virus), anche qualora fossi contagiato dal virus probabilmente si manifesterebbero solo un raffreddore o una febbre lieve.

Se hai un sistema immunitario compromesso, ti aiuterà circondarti di familiari amorevoli, amici, Natura e pensieri positivi, nonché di qualsiasi altro nutrimento e vitamina che magari già assumi per il tuo benessere. Seguire la tua intuizione su ciò che è meglio per te è la chiave! Il punto qui è che, indipendentemente da chi sei e quale sia il tuo stato di salute, trarrai un beneficio enorme dall’allontanarti dalla paura e dal sostenerti in qualunque modo ti sembri meglio.

Ricorda la verità della fisica quantistica, la più valida di tutte le scienze del pianeta: è la tua Coscienza che sta creando le tue esperienze di vita! Sei focalizzato sulla malattia … o sulla salute?
Ti auguro piena salute, felicità e armonia.

Con Amore e Luce,
Bruce”

Cosa significa tutto ciò?

Significa che prima devi modificare LE TUE CONVINZIONI, gli assunti del tuo inconscio. Devi convincerlo che VUOI FERMAMENTE OTTENERE IL RISULTATO sfruttando al 100% i tre canali principali della comunicazione:

  • VISIVO
  • UDITIVO
  • CINESTESICO

Vale a dire che dovrai “condirle” con immagini, suoni e sensazioni.
Le prime auto-suggestioni dovranno essere, quindi, formulate più o meno così per iscritto, per esempio (in MAIUSCOLO):

  • “Io sono ASSOLUTAMENTE CONVINTO che andrà bene”
  • “Io sono PIENAMENTE CONSAPEVOLE DELLA MIA FORZA e capacità di guarigione e la metterò al servizio del mio scopo!“
  • “Io farò tutto ciò che è in mio potere per prendere precauzioni e spostare la mia attenzione dalla paura che dilaga senza darmi catturare da essa, poiché so che mi indebolirebbe”

“Pensare che andrà bene ovvero nel miglior modo possibile, mi farà stare bene con vantaggio di tutti!“

Queste auto-suggestioni dovranno essere affiancate da una meravigliosa IMMAGINE DEL RISULTATO: DOVRAI VISUALIZZARE, ASCOLTARE E PERCEPIRE IL TRAGUARDO COME FOSSE GIÀ STATO RAGGIUNTO, per esempio:IMMAGINO CHE RITORNO A POTER AGIRE IN ASSOLUTA LIBERTÀ DI FREQUENTAZIONE E SPOSTAMENTO TRA BREVE TEMPO.

Altre tre raccomandazioni per la formulazione di un’autosuggestione veramente efficace:

1.  Il pronome “io“, anche se può sembrare scontato, comunica al tuo inconscio che ti riferisci a te stesso e può rafforzare l’autosuggestione. Quindi ti consiglio di utilizzarlo ogni volta che sia possibile, un po’ come ho fatto con le auto-suggestioni esemplificative poco sopra.

2.  Non utilizzare le negazioni.
È molto più efficace “IO SO CHE ANDRÀ COSÌ” anziché “Non sarò più limitato” poiché la mente inconscia è meno razionale di quella conscia e si basa su un sistema di elaborazione associativo/deduttivo.

3. Auto-suggestionati nei “due momenti d’oro” della giornata.
Per fare in modo che le auto-suggestioni siano maggiormente efficaci e penetrino nell’inconscio in modo più rapido, ci sono momenti migliori: vale a dire appena sveglio (meglio se ancora in dormiveglia) e prima di addormentarti (meglio se già disteso e quasi assopito). Se sei solito fare un sonnellino pomeridiano, sfrutta anche quel momento d’oro. Il motivo per il quale l’efficacia delle auto-suggestioni aumenta in questi stati alterati di coscienza è dovuto proprio al fatto che le onde cerebrali hanno frequenze particolari e più favorevoli ad una comunicazione con l’inconscio.

-Iniziare la giornata con un pensiero positivo è meglio che accendere la tv e vedere un telegiornale.-

[revisione di Silvia Ponzio]

Pubblicità:

Monica Brunettini

Mamma, impiegata, blogger del Mondo Migliore

Una risposta

  1. Elda ha detto:

    Grazie mille per questi preziosi consigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\