183 views

I DEMONI INTERIORI E L’AMORE

Sharing is caring!

Cosa sono i demoni interiori? Perché cerchiamo di ignorarli? E, soprattutto, da dove scaturiscono?

Proviamo a capire perché li vediamo come demoni, innanzitutto.

Il demone fin dall’antichità è sempre stato visto come l’aspetto più terrificante che incute maggiore paura.

E’ chiaro che la paura fa…paura!

Quando si ha paura o si scappa, o si cerca di distruggere ciò che ci fa paura: in ogni caso sempre di fuga si tratta.
Anche facendo finta che non esiste, la si nasconde, la si maschera, e con essa tutto ciò che ne prende la sua forma.

I demoni interiori non sono altro che aspetti della nostra natura che risiedono nei posti più profondi del nostro essere, a noi ancora sconosciuti.

Essendo posti bui, ci incutono timore, perché a noi ancora ignoti.

Il dover affrontare quelle zone oscure di noi, ci fa vacillare, e scappare da noi stessi, dalla nostra natura profonda.

Tutto questo è normale per chi non è ancora pronto ad affrontare questi scogli per arrivare alla conoscenza di se stesso.

Ma si potrà mai essere veramente pronti?

Ed ecco i demoni, quelle situazioni di forte impatto che la vita ti porta a vivere all’improvviso, senza avere il tempo di prepararsi, di mettersi la cintura di sicurezza, e che ti fanno vivere dei momenti bui dove, che tu lo voglia o no, sei costretto ad affrontare, e non li puoi evitare.

Pensi che la vita ti sia nemica, vedi la situazione come una situazione ingiusta, che ti fa soffrire e il dolore pare non avere confine……

Prima o poi ci tocca passare da questo girone infernale, ci tocca affrontare la parte oscura di noi, e osservare come ci comportiamo in determinate situazioni, quale messaggio vogliamo attingere, se l’amore per noi ha valore oppure no, se noi siamo valore.

Ci ritroviamo soli, al buio, a dover affrontare noi stessi.

In quel momento, in quel preciso istante, viene fuori ciò che realmente siamo, e quell’esperienza ci sta ripulendo dalle scorie accumulate nel tempo, scorie che ci impedivano di essere leggeri e di vivere serenamente la nostra esistenza.

Amarmi per ciò che sono, con tutto il bagaglio che appartiene al mio essere, è il segreto per sciogliere ogni paura e osservare che ciò sono non è ciò che credevo di essere.

La paura, come tutto ciò che di me appartiene all’oscurità, va accettata come strumento per la crescita personale, non va distrutta, non va evitata. Va soprattutto osservata, va osservato il mio modo di affrontare quella situazione, di viverla, di comprenderla, e conoscere quindi me stessa in determinate esperienze.

La mancanza di amore, quell’amore che elemosiniamo spesso e volentieri da un’altra persona, non è altro che il legame con la paura di affrontare i nostri demoni interiori.

L’amore apre le porte dell’oscurità situate nella profondità del nostro essere, e porta la luce.
L’amore opera la trasformazione.
Il dolore e la sofferenza che viviamo quando amiamo, non sono altro che aperture e trasformazioni che accadono dentro di noi.

Se ci chiudiamo ad esse, stiamo rifiutando l’amore, e la libertà che esso genera in noi.

Si crede che l’amore rappresenti la gioia, l’estasi, l’essere uno, ed è così……..ma essere uno vuol dire che il dualismo si fonde, si trasforma e diventa uno, e nel dualismo troviamo anche le nostre parti oscure che si risvegliano.

L’amore risveglia, per questo quando si ama, i nostri demoni interiori si risvegliano.

Perché desiderare di farli scomparire? Di nasconderli? Di “ucciderli”?


Fanno male? Tutte le ferite, se le tocchi, fanno male!

Non nascondiamoci a noi stessi, non ne vale la pena.
Riscopriamo la bellezza del nostro essere, nel suo essere unito, e non separato.

La paura si dissolve, l’amore fiorisce…ed è l’accettazione per il proprio essere, per ciò che si è, nel bene e nel male che ci fa vivere nell’amore.

Se ti è piaciuto l’articolo e ne vuoi condividere altri, clicca qui

https://lbcomunicazione.org/index.php/author/maria/

Diana

Ciao, sono Diana e ti dò il benvenuto come visitatore in questa pagina dove posso scambiare insieme a te idee ed esperienze che sono in continua evoluzione, in continua crescita. Questo è il mio sostanziale desiderio: condividere il proprio intuire, il proprio sentire al di là di un semplice libro, ma attraverso lo studio delle esperienze di vita e degli strumenti che sono a portata di mano di ognuno di noi, come la natura, il cielo, gli occhi di una persona, il sentire del cuore e così via.....Io li chiamo strumenti viventi. Ecco, questo è il mio sentire, questo è il mio vivere. Se ti può interessare visita questo sito: sei il/la benvenuto/a!

2 Risposte

  1. Marina ha detto:

    Infatti, l’Accettazione di sé, e degli altri, con il proprio lato ombra, è il primo passo importante per amare incondizionatamente. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\