170 views

Essere o mendicare l’amore?

Sharing is caring!

Il bisogno di ricevere amore non è altro che la mancanza di vivere l’amore che sono!

Fenice88

Essere o mendicare l’amore?

In questo periodo caotico, dove tutto pare perdere valore, dove tutto pare essere dispersivo e confuso, ognuno di noi ha un compito ben preciso: entrare in se stesso e scoprire l’amore che è, quell’amore con il quale è stato creato e portato ad essere un essere di grande potenzialità, di grande  valore e, quindi, un essere di amore.

Essere amore…

Essere amore è un concetto molto distante da chi ancora non è riuscito a percepirne l’essenza.

Mendicare amore, invece, è un bisogno costante e molto presente in moltissimi di noi, oserei dire quasi tutti, anche perché ci ritroviamo a sentire questo vuoto immenso che ci porta a divenire dei veri e propri mendicanti, convinti che tutto ciò sia normale.

Proviamo a guardare per un attimo la cosa esternamente, in modo obiettivo.

Che cosa chiediamo all’altro/all’altra?

Che cosa cerchiamo nell’altro/nell’altra?

Chiediamo di colmarci quel vuoto, quel vuoto che noi stessi abbiamo lasciato che fosse, nell’attesa che qualcuno lo colmasse…

Un messaggio importantissimo…

L’amore che noi stessi siamo…

Voglio mandare un messaggio che ritengo importantissimo. 

Un messaggio che è vitale.

La ricerca dell’amore non è una ricerca esterna, fuori di noi, ma una ricerca e, oserei dire, un riscoprire l’amore che noi stessi siamo, non che abbiamo.

L’amore siamo noi, ognuno di noi, nel momento stesso che vogliamo “fermarci” e scoprirlo.

Coloro che lo scoprono, scoprono la loro forza e il loro equilibrio interiore, e molto difficilmente potranno essere manipolati da situazioni o persone che cercherebbero di farlo.

L’amore apre gli occhi…

L’amore apre gli occhi, risveglia i cuori e l’intuito, e porta a vedere una realtà completamente diversa da quella che ci è stata propinata fino ad oggi.

Doni di inestimabile valore…

Essere mendicanti o essere ricchi comporta una grande differenza.

Se vuoi essere ricco, scopri l’amore che sei con tutti i doni che ti appartengono.

La povertà non è materiale, ma bensì spirituale.

I doni non sono materiali, ma vanno ben oltre e sono di inestimabile valore.

Come puoi conoscere la vera ricchezza se non l’hai mai toccata con mano?

Sia essa materiale che spirituale, la ricchezza comporta responsabilità, perché hai in mano uno strumento che può veramente fare la differenza, a seconda dell’uso che ne fai.

Riconoscere l’amore che è l’altro…

Essere amore ci porta a riconoscere l’amore che gli altri sono, e non a mendicare l’amore.

Questo accade proprio perché riconoscendolo, lo abbiamo riconosciuto in noi stessi prima di tutto.

Possono i miei occhi vedere ciò che ancora non ho ri-scoperto in me?

Riconoscere l’amore che è l’altro…

Se io sono amore, non ho bisogno di mendicare l’amore proprio perché non vivo nel bisogno.

Vivere nel bisogno è l’inganno attraverso il quale si viene a contatto con l’illusione e la menzogna.

Il bisogno non è altro che la mancanza di qualcosa, ma in realtà quella mancanza non è reale.

E’ vero che a livello materiale la società è impostata in modo tale da creare un circolo vizioso di bisogni apparenti e futili, ma è anche vero che è proprio la povertà di consapevolezza di ciò che siamo che ci porta a vivere questa realtà illusoria e subdola.

Siamo esseri ricchi, di una ricchezza inestimabile, e possiamo scoprire questa ricchezza dentro di noi adesso!

Per altri articoli di Pittrice di parole, clicca QUI

 

 

Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.
Pubblicità:
.

.
.

.

Diana

Ciao, sono Diana e ti dò il benvenuto come visitatore in questa pagina dove posso scambiare insieme a te idee ed esperienze che sono in continua evoluzione, in continua crescita. Questo è il mio sostanziale desiderio: condividere il proprio intuire, il proprio sentire al di là di un semplice libro, ma attraverso lo studio delle esperienze di vita e degli strumenti che sono a portata di mano di ognuno di noi, come la natura, il cielo, gli occhi di una persona, il sentire del cuore e così via.....Io li chiamo strumenti viventi. Ecco, questo è il mio sentire, questo è il mio vivere. Se ti può interessare visita questo sito: sei il/la benvenuto/a!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\