380 views

Gnocchi di prugne

piatto pronto

Sharing is caring!

Avrei mille cose da dire in questi giorni ma non riesco a domare i pensieri. Come tanti di noi, scappo in cucina e mi butto nelle ricette di mia mamma, mia nonna, cerco idee nuove, sperimento.

Cosi ho trovato la ricetta di mia nonna per un dolce Serbo che in realtà ha le origini dall’Impero Austro-Ungarico.
L’Impero Austro-Ungarico è durato dal 1867 fino al 1918, le capitali erano Vienna e Budapest. La potente monarchia austro-ungarica era anche una potente culla culinaria che spesso serviva prelibatezze di culture diverse sulla sua tavola imperiale. Numerosi persone provenienti ​​dalle province della monarchia di quel tempo (Ungheria, Repubblica Ceca, Russia, Ungheria ecc) arrivarono a Vienna con interessanti ricette che alla fine entrarono a far parte della gastronomia austriaca.

Gli gnocchi di prugne (in Serbo Knedle sa sljivama) fanno parte dei profumi della cucina della nonna e possono essere serviti come il piatto principale o come il dessert. Di solito piacciono a tutti e ho deciso di condividere con voi la ricetta per questa delizia!

Ingredienti:

* 1,2 chili di patate
* due cucchiai di olio di semi
* un cucchiaio di sale
* 2 uova
* 300 grammi di farina 00
* 70ml di olio di semi
* 150 grammi di pane grattugiato
* zucchero
* prugne denocciolate

Prima cosa da fare è cuocere le patate intere, con la buccia. Una volta cotte, bisogna pelarle e lasciarle raffreddare per circa 20 minuti, dopo di che bisogna schiacciarle con lo schiaccia patate. A me piace finirle con la frusta elettrica per evitare che rimangano i pezzettini.

schiacciare le patate

Quando le patate sono pronte, aggiungere olio, sale e le uova intere e mescolare bene. Alla fine aggiungere la farina, esattamente 300 grammi, ne più ne meno! L’impasto sara molto appiccicoso ma va benissimo così perché in questo modo gli gnocchi saranno belli morbidi.

Nel frattempo bisogna togliere i noccioli dalle prugne. Per questa quantità di impasto, avrete circa 14 gnocchi. Se vi sembrano troppo grandi, volendo si possono fare gli gnocchi più piccoli con metà prugna ma vi assicuro che va benissimo una intera! Le prugne migliori sono quelle della grandezza piccolo-media. Questa volta, ho usato le prugne scongelate perché non mi capita sempre di trovarle di giusta grandezza e quindi ogni tanto mi faccio la scorta nel freezer.

pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:
pubblicità:

Prima di iniziare a riempire gli gnocchi con le prugne, in una padella mettere 70ml di olio di semi e 150gr di pane grattugiato. Il pane grattugiato deve cuocere pochissimo, meno di un minuto, stare attenti di non bruciarlo.

Quindi, è arrivato il momento di formare gli gnocchi! Io ho spolverato il tavolo con la farina ma tanti lo fanno direttamente nella mano. Se lo fate direttamente nella mano, bagnatela con 2-3 gocce di acqua. Alcuni preferiscono riempire le prugne con lo zucchero e cannella prima di cuocerle, a me piace aggiungerli al momento.

Per cuocere gli gnocchi, vi serve una pentola grande con abbondante acqua, salata solamente con un cucchiaino di sale. Immergere gli gnocchi nell’acqua bollente, cercando di non riempire troppo la pentola. Saranno pronti dopo qualche minuto che staranno a galla.

Quando sono pronti, toglierli dall’acqua con un mestolo e metterli in padella dove avete fatto cuocere il pane grattugiato.

Ecco, gli Gnocchi di prugne sono pronti per essere gustati! Come ho già detto prima, mi piace aggiungere lo zucchero mescolato con la cannella una volta nel piatto ma ovviamente vi consiglio di provare per capire la vostra preferenza.

Buon appetito!

Pubblicità:

Ana Martinovic

Essere dei Gemelli a volte ti rende la vita difficile, ma di solito le da una marcia e un senso in più! Scrivo da quando ho 12 anni e scrivere per me significa sfruttare le difficoltà e la gioia della vita per sfidarla e per lodarla. Mi sento bene quando scrivo, mi sento utile per qualcuno, come per me lo sono stati e lo saranno i pensieri dei grandi scrittori e di chiunque abbia qualcosa da dire al Mondo. Ci vuole amore e coraggio... “Tutto è possibile, tutto è a portata di mano, semplicemente non bisogna arrendersi. È difficile finché non ti decidi, tutti gli ostacoli sembrano infiniti, tutte le difficoltà sono insormontabili. Ma quando ti allontani da te stesso indeciso, quando vinci il tuo sconforto, ti si aprono percorsi senza precedenti e il mondo non è più angusto ne pieno di minacce” Meša Selimović, scrittore e accademico Jugoslavo *Testo originale: “Sve je moguće, sve je na dohvat ruke, samo se čovek ne sme predati. Teško je dok se ne odlučiš, tada sve prepreke izgledaju neprelazne, sve teškoće nesavladive. Ali kad se otkineš od sebe neodlučnog, kad pobediš svoju malodušnost, otvore se pred tobom neslućeni putevi, i svet više nije skučen ni pun pretnji”

4 Risposte

  1. Tijana ha detto:

    Buonissimo! Grazie Ana.

  2. Mariella ha detto:

    Grazie Ana, é una ricetta che conosco da tempo perché nella mia zona dove abito, a Brunico in Alto Adige, é un piatto tradizionale. Vengono fatti anche con le albicocche, comunque sono buonissimi, e consiglio di assaggiarli a chi ancora non li conosce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\