312 views

Testimonianza: il mio viaggio in Grecia

Sharing is caring!

Testimonianza: il mio viaggio in Grecia

Rossella, 23 febbraio 2021

Il mio viaggio Grecia – Italia

Salve tutti, ho il piacere di condividere con voi l’esperienza di viaggio che ho avuto ieri utilizzando l’Universal Pass come documento di riconoscimento.
Arrivo al check in Chania (Grecia) e al posto della carta d’identità provo a mostrare l’Universal Pass.
Alla domanda “Mi faccia vedere il covid-test“, ho rispondo semplicemente non ce l’ho; nessuna risposta.

Per terminare la procedura di check in ho dovuto comunque mostrare anche la carta d’identità perchè il sistema non riconosceva la numerazione.

 

Universal Pass

Arrivata ad Atene,

al primo controllo per l’imbarco per Roma, mostro nuovamente l’Universal Pass; lo guarda in modo strano, solita domanda.. <<cos’è?>> rispondo: <<il mio pass universale>> …lo guarda… e mi lascia passare.
Stessa cosa al secondo controllo prima dell’imbarco.

 

Arrivata a Roma,

primo controllo della polizia, tutti davanti a me pronti a mostrare i documenti, test, dichiarazioni etc. Io mostro semplicemente l’Universal Pass e gli dico: <<Sono una donna viva>> …non mi ha lasciato finire.. e mi dice…: <<Va bè va bè… dove è diretta?>> …rispondo: <<A Bari>>; …e lui: <<Ok ok vada>>.

Continuando, prima di giungere al recupero bagaglio, un altro controllo per i test covid. Non ho avuto neanche il tempo di pensare cosa fare e dire, e mentre fermavano gli atri davanti a me, mi fecero passare.
Mi sembrava quasi di essere diventata invisibile …forse non mi vedevano? …altrimenti sicuramente mi avrebbero fermata come tutti gli altri.

 

Infine l’ultimo controllo prima dell’uscita.

Mentre fermavano alcune persone davanti a me per il controllo bagagli, la polizia mi guarda e con un sorriso mi fanno segno di passare.

Ci tengo a precisare, che per tutta la procedura e per tutto il viaggio stesso, sono stata anche senza la mascherina e nessuno mi ha detto nulla.

Ho evitato anche il controllo della temperatura.

La reazione più bella è stata del conducente del pulman che ho preso per andare a Bari; …al mio segno di rifiuto ha reagito con un tale entusiasmo che ha detto: <<Brava brava Rossella…>> e sorridendo mi ha preso con gioia i bagagli e li ha riposti nella “stiva” (cosa che non ha fatto con nessuno).

Il viaggio è andato per il meglio,

per me è stata la conferma della magia che siamo in grado di creare quando viviamo nella completa consapevolezza di chi siamo, senza alcuna contrazione o dubbio e timore.
Quando raggiungi tale consapevolezza non hai neanche necessità di mostrare i documenti, li rappresenti con tutto il tuo Essere e la magia accade da sè!!!

Un abbraccio affettuoso a tutti.. tra qualche settimana partirò per la Francia …vi farò sapere!

 

 

Tutti gli articoli della rubrica OPPT 1776 – New Governance: clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

\